“No, a me l’America non mi fa niente bene. 
Troppa libertà, non c’è niente che appiattisca l’individuo come quella libertà lì. 

Nemmeno una malattia ti magia così bene dal di dentro.

Come sono geniali gli americani, te la mettono lì, 
la libertà è alla portata di tutti, come la chitarra. 

Ognuno suona come vuole, e tutti suonano come vuole la libertà.”

(Giorgio Gaber, L’America, 1995/1996)