Ora è la morte,
Ma non è la morte:
è soltanto l’attesa.


Facci attendere, Dio, senza stancarci,
senza timore di morire per sempre.
Anche i colori sono trapassati
dal verde, al giallo, al viola,
al grigio.


Presto sarà la neve
come un immenso fiore bianco,
grande quanto la terra.


Il mondo è sbocciato di gelo
e il bianco è la somma dei colori
Dopo il fiorire e il declinare della vita,
l’inverno, o Dio, è la tua eternità.


E sulla neve
candide danze di angeli
e carole di santi luminosi,
che non lasciano impronta.


Aprici gli occhi, o Dio,
facci vedere ciò che non si vede,
facci danzare coi beati
e guardare i tuoi occhi:
più vasti
di una pianura innevata
più bianchi
di un gelido novembre
più caldi
di un fuoco acceso
in una notte d’inverno.

 

Adriana Zarri