L’iniziativa, nata in Tirolo, “bleiben.erheben.wandeln” delle donne cattoliche dovrebbe aiutare a “realizzare l’uguaglianza di genere nella nostra Chiesa” – Per la consacrazione delle donne, contro il celibato obbligatorio

 

Innsbruck, 23.04.2019 (KAP) Nei 50 giorni da Pasqua a Pentecoste, 50 donne prendono posizione per l’uguaglianza nella Chiesa cattolica.  Vogliono aiutare a “realizzare l’uguaglianza di genere nella nostra Chiesa”, come affermato sul sito web https://bleibenerhebenwandeln.wordpress.com. Come mostra “una visione critica della situazione attuale della Chiesa cattolica”, l’uguaglianza richiesta non è stata ancora raggiunta… è quella visione che l’apostolo Paolo formulò nella sua lettera ai Galati: “Non ci sono più ebrei e greci, non schiavi e uomini liberi non maschio e femmina, perché tu sei tutto uno in Cristo Gesù “.

L’iniziativa è supportata da un gruppo di giovani teologi del Tirolo, sostenuti dal “Frauenreferat” della diocesi di Innsbruck e da importanti blogger cattolici – tra cui Magdalena Holztrattner, responsabile dell’Accademia sociale cattolica, Anna Findl-Ludescher , l’amministratore delegato dell’Istituto pastorale austriaco o Angelika Walser, professore di teologia morale all’Università di Salisburgo. Donne di Germania, Svizzera, Alto Adige e persino dall’America Latina hanno promesso contributi, ha annunciato Angelika Ritter-Grepl del Women’s Department di Innsbruck a “Kathpress”.

A differenza di molte altre donne (che lo hanno già fatto!), le promotrici di questa iniziativa non vogliono lasciare la Chiesa: “Noi donne di bleiben.erheben.wandeln siamo profondamente radicate nella Chiesa cattolica e questa esperienza è parte della nostra identità”, infatti “stare/bleiben” è la parola chiave! Come ha detto Ritter-Grepl, le femministe religiose sono spesso sotto pressione per dare ragione del motivo per cui rimangono in questa “Chiesa degli uomini”.

Regina Augustin, segretario generale del movimento delle donne cattoliche d’Austria (Kfbö) nel suo blog si esprime con parole chiare: la Chiesa cattolica rimane nel suo aspetto attuale “un sistema gerarchico patriarcale e strutturato”, ma uno sguardo più onesto ai testi della Scrittura fà dire, “che c’è molto di più… e viene richiesto un modo diverso di pensare”.

La Augustin menzionava gli apostoli, che erano così importanti all’inizio della Chiesa: Gesù aveva radunato una cerchia di uomini e donne che erano stati incaricati di proclamare il Vangelo… una rottura netta con le categorie  e i modi di pensare del mondo anico.

“Il cambiamento è tradizione della Chiesa”

Le donne aderenti a“bleiben.erheben.wandeln” considerano l’uguaglianza come possibile, perché “il cambiamento è una tradizione della Chiesa”, come affermano sul loro sito web. Un’antropologia dell’uguaglianza fondata teologicamente – dove entrambi i sessi sono l’immagine di Dio. Ciò rende la Chiesa effettivamente “una realtà pionieristica nel mondo per l’uguaglianza di genere”.

Queste istanze dovrebbero trovare una risposta adeguata nelle strutture ecclesiali di oggi. La visione di queste donne e uomini per il futuro è chiara: “Diverse funzioni di guida sono distribuite equamente tra uomini e donne, secondo il titolo di studio, a prescindere dal sesso e non necessariamente riferite ad un ministero ordinato.”

E ancora: “I servizi religiosi verranno praticati da donne e uomini come un servizio per il bene del Popolo di Dio e della comunità… in questa prospettiva una forma obbligatoria di vita celibataria non è assolutamente necessaria”.

“È ancora cattolico?” È una delle FAQ elencate sul sito: Sì, sottolineano gli operatori. “Siamo e restiamo cattolici con cuore e anima, il cambiamento è il centro e il culmine della nostra fede”.

 

Liberamente tradotto da don Paolo Zambaldi

kathpress.at, 23.04.2019