Per la 105esima Giornata dei Migranti, Papa Francesco celebrerà una Messa in Vaticano. L’ennesimo segno dell’attenzione di Papa Francesco per il tema delle migrazioni

Il tema della 105esima Giornata Mondiale del Migrante e Rifugiato è “Non si tratta solo di migranti”. E Papa Francesco, per sottolineare quanto la questione sia importante per lui, celebrerà una Messa in Piazza San Pietro, il 29 settembre.

L’annuncio è stato dato dalla Sezione Migranti e Rifugiati del Dicastero per il Servizio dello Sviluppo Integrale. Il dicastero è guidato ad tempus da Papa Francesco, che ne creerà cardinale uno dei sottosegretari, padre Michael Czerny.

La Messa è un appuntamento che si aggiunge alla Messa che il Papa tiene con i migranti ogni 8 luglio, per ricordare il suo primo viaggio a Lampedusa.

In vista della Giornata Mondiale del Migrante e Rifugiato, la sezione migranti è rifugiati ha sviluppato una campagna di sensibilizzazione.

Questo mese, il tema è stato “Si tratta di tutta la persona, di tutte le persone”, celebrato con un video di Papa Francesco che ha ricordato che attraverso il servizio, l’incontro e l’accoglienza si offrono opportunità ai più deboli e vulnerabili.

Negli scorsi mesi, il dicastero ha trattato i temi “Si tratta anche delle nostre paure”, “Si tratta della carità”, “Si tratta della nostra umanità”, “Si tratta di non escludere nessuno” , “Si tratta di mettere gli ultimi al primo posto”.

È la prima volta che la giornata si celebra nell’ultima domenica di settembre. Dal 2005, San Giovanni Paolo aveva stabilito la Giornata nella prima domenica dopo l’Epifania. Papa Francesco ha cambiato la data su richiesta di varie conferenze episcopali.

La Giornata ha origine nel 1914, quando Pio X invitò i cristiani a pregare per i migranti. Era qualche mese prima della Prima Guerra Mondiale, ed era ben presente negli occhi del Papa il dramma dei milioni di italiani che avevano lasciato il Paese.

Il suo successore, Benedetto XV, istituì la Giornata del Migrante per sostenere le opere pastorali che aiutavano gli emigrati italiani.

Dal 1952, la Giornata del Migrante prende un connotato più internazionale, tanto che le Chiese particolari sono chiamate a scegliere una data per celebrarla nel corso dell’anno liturgico.

Il primo Papa a indirizzare un messaggio specifico per la Giornata è Giovanni Paolo II, dal 1985. Nel 2004, il Pontificio Consiglio della Pastorale dei Migranti e gli Itineranti estese la Giornata anche ai Rifugiati.