Dvir Sorek era un soldato e un colono, ucciso da un palestinese nei territori occupati. Secondo quanto riferito, era un giovane delizioso , amato da chiunque lo conoscesse. Anche suo padre sembra essere un uomo notevole. I media israeliani sono pieni della storia dell’omicidio di Sorek, è difficile trovare un politico che non ne abbia parlato , naturalmente solo da un punto di vista. Israele ha invitato il Consiglio di sicurezza delle Nazioni Unite a presentare una denuncia, mentre l’onesto broker Jason Greenblatt ha accusato Hamas. Sorek è stato ucciso mentre tornava da Gerusalemme, portando libri di David Grossman che aveva comprato lì come regalo per i suoi insegnanti.

Abdullah Gheith non aveva con sé i libri di Grossman quando gli agenti della polizia di frontiera israeliana gli hanno sparato uccidendolo. Gheith probabilmente non ha mai sentito parlare di Grossman. Era un ragazzo di 15 anni di Hebron che voleva pregare nella moschea di Al-Aqsa a Gerusalemme l’ultimo venerdì del Ramadan e doveva scavalcare il muro di separazione per sgattaiolare in città. Era “Laylat al -Qadr “o” la notte del destino “, quando i musulmani cercano di ricevere risposta alle loro preghiere, è diventata l’ultima notte di Abdullah. I poliziotti di frontiera gli hanno sparato a distanza, quando non rappresentava una minaccia, di fronte a suo padre e alle sue sorelle. Nessuno ha nemmeno considerato di chiamarlo omicidio,e tanto meno di descriverlo come orribile.

Greenblatt non ne ha sentito parlare, né il Consiglio di sicurezza. Presumibilmente era altrettanto delizioso e innocente come Sorek. “Tu in Israele non conosci il dolore nel quale noi viviamo”, ha detto suo padre, distrutto come il padre di Sorek; non sapeva quanto avesse ragione.

In Israele,non tutti gli omicidi sono omicidi. L’ uccisione di un ebreo è sempre un omicidio. L’uccisione di un palestinese non è mai un omicidio. Quando un soldato uccide un palestinese, anche se è un bambino, è eroico. Quando un palestinese uccide un ebreo, anche se è un soldato, è un orribile omicidio. Quando un ebreo uccide, è un guerriero; quando un palestinese uccide, è un assassino. Omicidi arabi di ebrei: notizie; Gli ebrei uccidono gli arabi: non notizie,ma l’omicidio è omicidio; non esiste un omicidio che non sia orribile. Non in Israele. Qui rafforziamo la falsa narrativa secondo la quale Israele ha sempre ragione, è sempre la vittima,mentre i palestinesi sono sempre spregevoli assassini. L’assoluta collaborazione dei politici e dei media su questa menzogna convalida questo apartheid-in-death. Non solo durante la loro vita i palestinesi sono inferiori, ma anche nella loro morte;le loro vite valgono di meno rispetto a quelle degli ebrei…

L’omicidio di Sorek ha toccato il cuore degli israeliani perché era israeliano. Niente è più umano di così,ma quando una morte riceve così tanta attenzione e un’altra viene completamente ignorata, si devono considerare le implicazioni etiche contorte: solo agli ebrei è permesso uccidere. I palestinesi hanno il diritto indiscutibile di resistere e di ribellarsi contro l’occupazione. Non è necessario giustificare atti di uccisione per comprendere le loro motivazioni. L’ovvia domanda è : arrampicarsi su recinzione è un’offesa più grave di quella di occupare una terra rubata ad Ofra.? Sicuramente né contestualizza l’omicidio.

Ma a Israele è permesso tutto. Quando i tiratori scelti dell’esercito israeliano hanno sparato a distanza ad Abd el-Rahman Shatawi , 9 anni che sta lottando per la sua vita in ospedale – hanno commesso un crimine orribile. Ma quasi nessuno in Israele piangeva per lui , certamente non i media mainstream di Israele, che continuavano a pubblicare le solite assurdità.

Quando gli agenti di polizia hanno ucciso Mohammed Samir Abid a Isawiyah hanno distrutto la sua famiglia. Ma Israele, in lutto nazionale per l’omicidio di Sorek, ha proibito alla famiglia di Abid di soffrire per la sua morte. Gli agenti di polizia di Gerusalemme hanno cercato di interrompere brutalmente l’organizzazione del funerale e hanno demolito un memoriale che la sua famiglia aveva eretto nel luogo in cui è stato ucciso. Ai palestinesi non è nemmeno permesso piangere i loro morti. Dolore, dolore, lutto e vittimismo sono riservati agli israeliani che non uccidono mai i palestinesi.

 

da frammentivocalimo.blogspot.com 

Originale: www.haaretz.com