David Maria Turoldo nacque il 22 novembre 1916, a Coderno di Sedegliano, nel Friuli, da una famiglia povera e religiosa che ne temprò la personalità. Nel 1940 divenne sacerdote nell’ordine mendicante dei Servi di Maria e a Milano, sua città d’elezione, fondò con padre Camillo De Piaz la “Corsia dei Servi”, partecipò alla Resistenza antifascista con il gruppo de “L’Uomo” e tenne la predicazione domenicale in duomo dal 1943 al 1953.

Uomo di forte spiritualità, scrittore di saggi e di libri, collaboratore di giornali e riviste, Turoldo ebbe un ruolo importante anche dal punto di vista politico e sociale, che talora gli procurarono sofferte incomprensioni con l’autorità ecclesiastica.

A metà degli anni ’60 si trasferì nella comunità dei Servi di Maria a Fontanella, vicino a Sotto il Monte, paese natale di papa Giovanni XXIII. Da lì continuò a condurre le sue battaglie e dirige il Centro di Studi Ecumenici Giovanni XXIII.

Gli ultimi anni della sua vita, oltre a essere segnati dal dramma della lotta contro la malattia e dalla più alta produzione poetica, costituirono per Turoldo un più sereno rapporto con la Chiesa, di cui furono segni eloquenti la rinnovata chiamata a predicare nel duomo di Milano da parte del cardinal Carlo Maria Martini e l’assegnazione del premio Lazzati da parte della Fondazione Ambrosianeum.

Celebrò la sua Pasqua il 6 febbraio 1992.

Caro amico, ti scrivo Lettera di don Angelo Casati a p. David M. Turoldo

Perchè nessuno saluta Dedicata da p. Turoldo a don Angelo Casati

Appello ai giovani

Pacem in Terris

Ragione risorga

Torniamo ai giorni del rischio

In memoria del vescovo Romero

Vogliamo ancora profeti

 

alzogliocchiversoilcielo.blogspot.com