“La beneficenza è simile all’azione di un uomo che, dopo aver prosciugato con fosse di scolo, annaffiasse poi i prati nei punti dove appaiono particolarmente aridi.

Portiamo via al popolo tutto quello che gli è necessario, lo priviamo con ciò della possibilità di nutrirsi col suo lavoro, e poi cerchiamo di sostenere i più deboli, spargendo fra essi una piccola parte di quel che abbiamo rubato.”

  

(Lev Nikolayevich Tolstoy, I Diari)