Entra nel vivo la campagna elettorale negli Stati Uniti. A novembre il voto. Di nuovo decisivi i fedeli conservatori?

Il presidente degli Stati Uniti d’America Donald Trump tiene regolarmente discorsi di fronte a delle arene piene. Ma un evento della campagna elettorale come quello in programma oggi 3 gennaio nel sud della Florida ha un aspetto insolito – e non solo perché si terrà in una megachurch, super chiesa, del sud della Florida.

Trump, che attualmente sta terminando una vacanza di due settimane nella sua tenuta di Mar-a-Lago a Palm Beach, nel pomeriggio parlerà di fronte ad una platea di 7.000 persone del Ministerio Internacional El Rey Jesús nel West Kendall, un evento che potrebbe includere immigrati privi di documenti, pastori evangelici e repubblicani pro Trump.

Un nuovo momento di forte unione fra Evangelicals e la coalizione di Trump, annunciato e voluto dal suo staff elettorale il mese scorso poco dopo che la rivista Christianity Today ha chiesto la rimozione di Trump dall’incarico.

I responsabili della campagna del presidente hanno affermato che la chiesa e la sua congregazione sono state «una scelta naturale per lanciare i nostri evangelici nella coalizione pro Trump».

Ma la chiesa al 14100 SW 144th Avenue. è frequentata da migliaia di cristiani ispanici, alcuni dei quali immigrati privi di documenti. Ciò significa che il raduno di oggi potrebbe riunire dozzine di pastori e centinaia di cristiani vulnerabili insieme alla solida base repubblicana di Trump a sostegno di un presidente che spesso si affida alla retorica dell’immigrazione.

Consapevole della repressione del presidente sull’immigrazione, Guillermo Maldonado, pastore alla guida della chiesa in questione e sostenitore del presidente, ha assicurato il suo gregge domenica scorsa durante un culto in lingua spagnola: i membri privi di documenti della sua congregazione potevano venire a vedere Trump parlare senza paura di rischiare la deportazione .

Giovedì, Jackie Lee, consigliere senior in Florida per la campagna presidenziale dell’ex vicepresidente democratico Joe Biden, ha raccolto questi commenti e in una dichiarazione ha attaccato «gli innumerevoli modi in cui Donald Trump ha alimentato la paura degli ispanici e degli immigrati in Florida, tra cui molti fedeli del ministero internazionale del re Gesù».

Un portavoce della campagna Trump non ha risposto alle richieste di commento sull’accoglienza di immigrati privi di documenti da parte di Maldonado all’evento di oggi.

La posizione e i commenti della domenica di Maldonado, come riportato nel Miami Herald, hanno attirato anche l’attenzione di un gruppo di guardiani atei dei rapporti fra chiesa e stato. La Freedom From Religion Foundation ha invitato le autorità competenti questa settimana a indagare se Maldonado ha infranto o meno le regole che vietano alle organizzazioni non profit di partecipare a campagne politiche quando ha detto ai fedeli domenica che avrebbero sostenuto il loro pastore partecipando all’evento di Trump in chiesa.

Lo staff di Trump ha detto poco su cosa aspettarsi dall’apparizione del presidente o dall’evento stesso. Trump è ora nel mezzo di un anno di rielezione e un processo di impeachment appare imminente al Senato degli Stati Uniti.

Maldonado ha dichiarato durante il servizio di domenica che l’evento di venerdì includerà 70 pastori, che parleranno a sostegno di Trump.

La campagna elettorale entra nel vivo. Saranno lunghi mesi di accuse e polemiche.

 

Riforma, 03 gennaio 2020