Il nuovo presidente della DBK (Conferenza episcopale tedesca) Bätzing… e lui (ironico): “Si ha la tentazione davvero di scappare!”.

 

Georg Bätzing annuncia un cambio generazionale nei vescovi tedeschi. Il vescovo del Limburgo è ora presidente della Conferenza episcopale – e vuole riformare radicalmente il suo lavoro. Non mancano altri compiti importanti.

Il Sinodo, il risarcimento per le vittime di abusi: non mancano le sfide per Georg Bätzing come nuovo presidente della Conferenza episcopale tedesca (DBK). In un’intervista esclusiva di katholisch.de dà una visione della sua elezione – e di ciò che vuole cambiare.

Domanda: Signor Vescovo, prima di tutto congratulazioni per la sua elezione a presidente della Conferenza Episcopale tedesca. Lei ha detto in una prima reazione che lo Spirito Santo è stato coinvolto nell’elezione. Avete tuttavia considerato brevemente di non accettare l’incarico?

Bätzing: Grazie per le congratulazioni. Sapendo cosa ci si aspetta dall’ufficio, e considerando la forza del mio predecessore, ho avuto davvero rispetto. Ma forse questo è troppo poco emotivo. Si vuole davvero scappare. D’altra parte, si vuole anche affrontare i voti dei confratelli.

Domanda: Nella Conferenza Episcopale la vostra elezione significa un cambio generazionale. Cosa ne consegue?

Bätzing: Sette anni di differenza d’età rispetto al cardinale Reinhard Marx non sono in realtà una generazione. L’anno prossimo compirò 60 anni, quindi mi divertono frasi come “Ora i giovani devono fare una mossa”. Ma alla fine, questa è anche una questione di prospettiva nella Chiesa cattolica. Infatti, io appartengo a una fascia d’età in cui ci sono molti nuovi vescovi. Altri come Karl-Heinz Wiesemann, Stephan Ackermann o Franz-Josef Overbeck, invece, hanno la stessa età e sono già molto esperti. Penso che lo stile di lavorare insieme e nella conferenza cambierà in qualche modo. Questo è un chiaro desiderio, che è stato espresso già nella fase di preparazione da molti vescovi. E lo capisco bene.

Domanda: Cosa significa esattamente questo desiderio di cambiamento?

Bätzing: Penso che potrebbe aiutarci se dividessimo la presidenza e la moderazione nella Conferenza episcopale. In questo modo possiamo separare le dichiarazioni di contenuto da un lato e lo svolgimento della Conferenza dall’altro. Un buon esempio, di ciò che può essere diverso, è stato il nostro incontro di questa mattina. Prima delle elezioni non abbiamo parlato di singoli candidati, ma ci siamo scambiati opinioni in dieci piccoli gruppi per quasi un’ora.

Domanda: Di cosa si occupavano i piccoli gruppi?

Bätzing: C’erano tre domande per tutti: Quali sono le sfide sociali ed ecclesiali che ogni individuo vede? Cosa significa questo per il nostro lavoro della conferenza? E possiamo dedurne che cosa ci si aspetta da un nuovo presidente?

Domanda: E cosa ci si aspetta dal nuovo presidente?

Bätzing: Ciò che non potrà mai e poi mai realizzare. (ride) Ci sono molte aspettative. Ma le due caratteristiche più importanti sono l’integrazione e la comunicazione autentica. Ma questo non è in contraddizione con ciò che Reinhard Marx ha fatto e dove si è impegnato per tutto il mandato.

Domanda: Ora lei non è solo presidente della Conferenza episcopale, ma automaticamente anche nel Presidio del Cammino sinodale. Cosa significa questo per il suo lavoro lì e per la sua presidenza del Forum sulla morale sessuale?

Bätzing: Ciò che non cambia è la mia visione positiva del cammino sinodale. Penso davvero che sia una grande opportunità per lavorare insieme e per percorrere con gli altri la via sinodale. Questo è ciò che il Papa vuole da noi. Che cosa significhi questo per il Forum, lo devo discutere con il presidente Birgit Mock e gli altri membri.

Domanda: Ma sarebbe concepibile che lei lavori con una doppia funzione?

Bätzing: Siamo ancora agli inizzi e tutto procede velocemente. Dobbiamo esaminare lo Statuto per vedere se ci sono delle disposizioni, e poi considerare ciò che è saggio, ragionevole e appropriato alla questione.

Domanda: Un’altra domanda sul contenuto del Forum: Le questioni di morale sessuale riguardano la dottrina della Chiesa, che è stata praticamente “scolpita” dopo l’enciclica “Humanae Vitae” del 1968. Quanto margine di manovra vedete per l’omosessualità o la sessualità prima del matrimonio?

Bätzing: Nel nostro intervento, che abbiamo presentato all’assemblea sinodale, vediamo già dei cambiamenti attraverso la “Teologia del corpo” di Giovanni Paolo II. L’enciclica “Amoris laetitia” ha poi di nuovo spalancato la porta. Questo significa per me: c’è spazio di manovra e di apertura nell’insegnamento. Ora dobbiamo vedere come possiamo formulare questo insegnamento nella sua sostanza in modo tale che diventi davvero, ancora una volta, una forma credibile di orientamento per le persone e non sia percepita come questa eterna “moralità del proibizionismo”. E questo vale anche per il modo in cui gli omosessuali sono trattati e per il loro stile di vita. Qualcosa deve cambiare!

Domanda: Durante l’assemblea qui a Magonza ci sono state di nuovo proteste da parte delle vittime di abusi. Hanno annunciato che ora vogliono sottolineare le loro richieste con la disobbedienza civile proprio nelle chiese – per esempio durante le funzioni religiose. Che cosa dice lei, come nuovo presidente della Conferenza episcopale, a questo proposito?

Bätzing: Innanzitutto, la protesta è l’unica possibilità per alcuni degli interessati di esprimersi nei nostri confronti. Anche in questo senso la protesta merita rispetto. La questione è se ci poniamo in modo tale da porre fine alla protesta. Alla fine, questo non è dovuto solo ai vescovi, alle diocesi e alle comunità religiose. Perché alla fine non si tratta solo di coloro che subiscono abusi all’interno della Chiesa cattolica. Ci troviamo in un contesto molto più ampio attraverso il Commissario indipendente per gli abusi del governo federale e il quadro giuridico generale.

Domanda: Non è necessario che la Chiesa cattolica in Germania raggiunga presto una svolta nei pagamenti compensativi?

Bätzing: Spero che nei prossimi giorni decideremo un piano d’azione concreto.

 

Di Björn Odendahl e Ludwig Ring-Eifel

(Tradotto liberamente da don Paolo Zambaldi)

Articolo originale: https://www.katholisch.de/artikel/24726-neuer-dbk-vorsitzender-baetzing-man-moechte-eigentlich-weglaufen