Ascoltiamo il canto del mondo

cominciamo perciò ad imparare l’ascolto.

 

Ascolto delle orecchie,

ascolto degli occhi,

ascolto del cuore.

 

Raccogliamo tutti i messaggi della vita,

il frusciare del vento tra le foglie, il verso degli animali,

lo scrosciare dell’acqua: tutti i rumori cosmici.

 

E’ il mondo che parla con noi

e ci sono altri suoni che non possiamo percepire,

ma sappiamo che ci sono e che ci avvolgono

in una fascia di sonorità

che è come il canto del mondo

 

Adriana Zarri