Signore, chi sei tu per noi? Come Pietro oggi ti professiamo e domani ti rinneghiamo. Lascia che ci sprofondiamo nel tuo mistero e fa che testimoniamo con la vita ciò che osiamo proclamare con la bocca;

Per le donne, gli uomini e i bambini della Libia, affinchè il cessate il fuoco immediato e la fermata di tutte le operazioni di combattimento, proclamati venerdì 21 agosto, portino finalmente a un futuro di pace e alla costruzione di un vero stato;

Per il Libano, piccolo paese che ha dato ospitalità a 1 milione di profughi siriani e oggi ha scorte di grano per 4 mesi. La comunità internazionale si renda responsabile dei bambini e delle loro famiglie vittime della guerra, dell’esplosione di Beirut e del Covid 19;

Per tutti quelli che hanno perso il lavoro e la casa, per quelli che hanno ancora un lavoro ma ogni giorno vedono calpestata la propria dignità e il diritto di preservare la salute e l’integrità fisica;

Per tutti i giovani, in particolare gli studenti e gli scolari di ogni ordine e grado; perchè non venga loro negata la scuola, luogo preposto alla socialità e allo sviluppo armonioso fisico, intellettuale e spirituale;

Per tutte le famiglie che ogni giorno devono fare i conti con i loro componenti malati gravi o disabili e che, in questi mesi difficili, sono stati lasciati soli. Affinchè le istituzioni e le associazioni, pur nel rispetto delle norme di sicurezza, possano essere presenti con aiuto concreto;

Per il nostro papa Francesco, Signore benedicilo, proteggilo, donagli la salute e il coraggio della profezia e fagli sentire che siamo in tanti a volergli bene;