Signore, come il servo malvagio, anche noi pensiamo di poter smettere di peccare quando vogliamo, abbiamo solo bisogno di un po’ di tempo, ma pretendiamo che gli altri vivano subito nella perfezione. Rendici coscienti delle nostre fragilità e misericordiosi verso tutti i nostri fratelli e sorelle;

Signore, lo dice la Parola stessa, il perdono è un dono che tu ci fai in quantità smisurata prima ancora che noi ci pentiamo. In questi tempi tutti pervasi dalla cultura della vendetta e della violenza, aiutaci nel tentativo di vivere ogni giorno, con radicale follia, il tuo insegnamento;

Per tutte le vittime dell’odio e dell’intolleranza. In particolare vogliamo ricordare Willi, il giovane italiano sempre sorridente e gentile, ucciso di botte. Signore, accoglilo nelle tue mani e dona consolazione alla sua famiglia e ai suoi amici;

Per i ragazzi che, spinti da rabbia, frustrazione e ignoranza, coltivano e praticano la violenza. Affinchè adulti consapevoli e preparati aiutino questi giovani a trasformare questi sentimenti negativi in nobili valori;

Per tutte le bambine e tutti i bambini che già prima dell’epidemia erano in difficoltà e che ora rischiano di pagare un prezzo altissimo in tema di povertà educativa. Affinchè chi governa pensi subito a investire sull’infanzia e sulla sua istruzione;

Per i migranti del distrutto campo di moria nell’isola greca di Lesbo. Costruito per ospitare 3000 persone ne ha accolte 13. 000 che ora sono rimaste senza un riparo, senza cibo e acqua. L’Europa, che si dice cristiana, intervenga subito per garantire salute e sicurezza ai migranti e agli stessi abitanti dell’isola;

Per noi e le nostre comunità. Il Signore ci doni la pace e la mitezza del cuore per creare un’atmosfera di rispetto, gentilezza e gratitudine cominciando dalle nostre famiglie;