“Svegliati, mia arpa,

che voglio svegliare l’aurora:

cantare i silenzi dell’alba

chiamare le genti sulle porte

e salutare il giorno:

e dare speranza agli umili

e dire insieme la preghiera

del pane che basti per oggi:

allora anche i poveri ne avranno d’avanzo.

Amen

(David Maria Turoldo, Nel lucido buio. Ultimi versi e prose liriche, Milano, 2002)