Non c’è modo per i palestinesi di costruire legalmente sulla propria terra a Isawiyah. Quasi tutti gli edifici sono costruiti illegalmente, ma il Comune di Gerusalemme ha scelto di perseguitare quest’uomo.

Un disabile guarda un bulldozer che demolisce la sua casa. Solo poche decine di metri lo separano dalla struttura, il cui secondo piano sta ora crollando su se stesso. Il bulldozer colpisce i muri dell’edificio in pietra, che era ancora in costruzione, martellando e frantumando, facendo cadere un muro dopo l’altro e distruggendo una stanza dopo l’altra di questo piano superiore, trasformandolo in un cumulo di macerie. Il suo proprietario, che ha investito tutti i suoi risparmi nella costruzione, assiste alla devastazione dalla sua sedia a rotelle, circondato dalle truppe della polizia di frontiera che appaiono minacciose e violente come sempre.

Non è la prima volta che assiste a questa scena; è successo nel 1999. E non è la seconda, terza o quarta volta: le autorità israeliane hanno demolito la sua casa per ben sei volte. Forse è per questo che solo una manciata di residenti a Isawiyah, il quartiere di Gerusalemme Est i cui residenti lo definiscono un “villaggio”, come per ricordare i bei tempi che non torneranno mai più, si sono presentati per stargli vicino nel sul strazio.

Lunedì, questa settimana, Isawiyah. Khatham Abu Riala ha dovuto usare una sedia a rotelle sin dalla seconda demolizione della sua casa, il 4 febbraio 2009. Mentre protestava, è inciampato ed è caduto dal tetto dell’edificio, poco prima che fosse raso al suolo. La caduta di sette metri su un terreno roccioso gli ha leso il midollo spinale, lasciandolo paralizzato dalla vita in giù. Khatham è disoccupato. Prima dell’infortunio lavorava come autista per la ditta Superbus; oggi indossa il cappotto aziendale per proteggersi dal freddo estenuante di Gerusalemme. Aveva anche lavorato come camionista nel porto di Ashdod.

La disabilità di Abu Riala non ha suscitato compassione nelle stanze del municipio di Gerusalemme. I suoi funzionari sono anche indifferenti al fatto che non c’è modo per i palestinesi di costruire legalmente a Isawiyah. Quasi tutto l’edificio che è stato costruito lì dal 1967 è illegale, ma a quanto pare il Comune di Gerusalemme ha scelto di concentrare i suoi sforzi su quest’uomo in particolare. Ha condotto una battaglia inesorabile contro Abu Riala, che per 22 anni ha cercato di costruirsi una casa su un terreno di sua proprietà, adiacente alla casa dei suoi genitori, 22 anni durante i quali il Comune non ha ancora approvato un piano generale aggiornato per Isawiyah e sta effettivamente vietando nuove costruzioni.

“Le persone si sposano. I bambini nascono. Dove vivremo? Dovremmo vivere tutti in una stanza?” Chiede Abu Riala. “È compito della città preparare un piano generale. Mi dicono: Vai a Beit Hanina (un altro quartiere di Gerusalemme Est che è più lontano, sulla strada per Ramallah). Ma la mia terra è qui. Qui è dove sono nato. Perché dovrei andare a Beit Hanina se ho delle proprietà qui?”

La prima volta, la sua casa è stata rasa al suolo da imprenditori privati ​​che lavoravano per conto della città di Gerusalemme, è stato nel dicembre 2019. Nel maggio 2020 ha iniziato la ricostruzione, fino a quando le autorità non gli hanno intimato di fermarsi. Da allora, la minaccia di demolizione incombeva sull’abitazione, la cui costruzione era quasi completata.

Chiaramente, non stiamo parlando di un insediamento israeliano o di un avamposto di coloni, e nemmeno di un nuovo quartiere per ebrei ultra-ortodossi provenienti dall’America. Questo è un villaggio palestinese occupato.

Quando siamo arrivati ​​a Isawiyah nella tarda mattinata di lunedì, la demolizione era già stata completata e le forze di sicurezza avevano lasciato il villaggio. Abu Riala era seduto sulla sua sedia a rotelle sul terreno roccioso di fronte alle rovine della sua casa, circondato da alcuni uomini che erano venuti per confortarlo e dargli coraggio, come per una persona in lutto. Tra di loro c’era l’attivista sociale Mohammed Abu Hummus, il cui corpo è segnato dai proiettili dissuasori sparati contro di lui dalla polizia israeliana nel corso degli anni durante le manifestazioni contro le demolizioni di case e altre attività di protesta.

La casa di Abu Riala si trova all’estremità orientale di Isawiyah, di fronte al deserto. Suo nipote vive con la moglie e il loro unico figlio al piano terra della struttura, che per qualche motivo non è stato preso di mira, mentre il secondo piano era destinato ad Abu Riala, sua moglie e due figli. Solo su quel piano Abu Riala poteva accedere con la sedia a rotelle, dato che l’edificio si trova sul pendio di una collina.

Le lastre di cemento e le barre di ferro che si sono accumulate all’ingresso del primo piano ora bloccano totalmente la porta. Il risultato: Anche il nipote di Abu Riala, Yassin Nasser, la moglie incinta Maha e il figlio di 3 anni Karam sono senza casa. E anche se le macerie che bloccano l’ingresso al loro appartamento vengono rimosse, non potranno comunque rientrare, a causa delle crepe e dei buchi nel soffitto della loro casa. Inoltre, qualsiasi tentativo di salire al piano superiore è pericoloso per i ragazzini che ora gironzolano tra le rovine.

Il comune qui ha finito.

Abu Riala è nato nel 1978 ed è cresciuto in quella che oggi è la casa dei suoi genitori, vicino all’edificio appena demolito; lui e la sua famiglia si sono trasferiti con i suoi durante la costruzione. La sua casa d’infanzia di un tempo si trovava in una zona agricola, dove il padre coltivava cetrioli e pomodori in un campo adiacente. “Siamo cresciuti in mezzo alla natura”, ci dice.

È sposato con Hiba e hanno un figlio, Anas, 14 anni, e una figlia, Dania, di un anno più giovane. Lunedì, giorno della demolizione, era anche il compleanno di Anas. L’unica volta che Abu Riala si è commosso mentre parlavamo è stato quando ha ricordato che suo figlio domenica aveva chiesto come avrebbero festeggiato il suo compleanno. Adesso lo sanno.

Giovedì di una settimana fa, il personale della polizia di frontiera e i funzionari comunali sono arrivati ​​alla casa e l’hanno fotografata. Quello era un cattivo presagio. Tornarono domenica. Quella sera, sulla base delle informazioni ricevute da qualcuno del comune, i due mukhtar (capi villaggio) di Isawiyah, Khader Abayat e Omar Zumzum, promisero ad Abu Riala che la sua casa non sarebbe stata demolita il giorno successivo. “Puoi dormire tranquillamente questa notte e non preoccuparti. Domani non ci saranno demolizioni”, gli dissero i mukhtar.

Tuttavia, Abu Riala ha passato una notte insonne. Alle 4:30 del mattino si è recato alla moschea locale per le preghiere dell’alba. Fu felicissimo di vedere che non c’era trambusto nel villaggio; non ha visto agenti di polizia, né bulldozer, né funzionari comunali. “Mi sono detto, Dio, i mukhtar avevano ragione. Non ci sarà nessuna demolizione oggi”. Tornò a casa. Ma alle 7:20 ha ricevuto una telefonata da suo fratello Jawad, dalla fabbrica di plastica di Kiryat Malakhi dove lavora. Jawad ha detto a suo fratello che erano state pubblicate sui social media le foto delle forze di polizia e dei bulldozer all’ingresso di Isawiyah.

Pochi minuti dopo ha sentito la polizia di frontiera che cercava di forzare l’ingresso di casa sua. Alla porta c’erano otto agenti. Gli fu ordinato di lasciare i locali con la sua famiglia: La demolizione stava iniziando. Abu Riala ci racconta di aver cercato di spiegare che i suoi figli stavano ancora dormendo, ma inutilmente. I funzionari gli dissero: “Demoliremo questa struttura e poi potrai richiedere un permesso per ricostruire”.

Per 22 anni ha richiesto un permesso. “Non concedono permessi. Non ci consentono di costruire. Resteremo qui ad aspettare per altri 22 anni, prima che il comune completi il ​​suo nuovo piano generale”, dice disperato.

Quello che irritava di più Abu Riala, aggiunge, era il comportamento dei demolitori. “Ridevano, senza vergogna. Noi stiamo la morte nel cuore e loro ridono. L’autista dell’escavatore sorrideva. Perché ridevano di questa situazione? Per dirci: Ti abbiamo spezzato. È la vita delle persone che stanno distruggendo.” Così Abu Riala, con sua moglie Hiba, i loro due figli e sua suocera, assisteva alla devastazione. È iniziato alle 7:30 e alle 11:30 era tutto finito.

Da allora i suoi figli sono rimasti traumatizzati, ci dice. Durante la maggior parte delle precedenti demolizioni erano bambini. Dania chiede quando avrà una stanza tutta sua. Anas vuole festeggiare il suo compleanno. “Piangevano e io potevo solo asciugare le loro lacrime”, dice il padre. “Il bulldozer ha distrutto la pietra e anche il me.” Nel corso degli anni, dice, ha speso 650.000 shekel (175.000 euro) lottando per costruirsi una casa sulla sua terra, al numero 31 di Tarin al-Madras Street.

Il portavoce del Comune di Gerusalemme, Yaron Lupo, ha rilasciato la seguente dichiarazione ad Haaretz: “Si tratta di una costruzione senza permesso, per la quale è stato emesso un ordine di demolizione amministrativa, attuato lunedì. Si tratta di una demolizione ripetuta di un edificio che era stato smantellato secondo un ordine di demolizione nel 2019 ed è stato ricostruito. Sono state effettuate due demolizioni dell’edificio e non sei, come affermato”.

“Le demolizioni sono state effettuate con ordinanza amministrativa e secondo la legge, previa autorizzazione di alcune istanze giudiziarie, nell’ambito dell’attività di contrasto comunale contro gli abusi edilizi in tutta la città, e certamente nel caso di abusi edilizi ripetuti nello stesso edificio, in spregio alle sentenze dei tribunali e allo stato di diritto.”

Aviv Tatarsky, un attivista che si occupa di questioni di pianificazione per conto dell’organizzazione no profit Ir Amim, ha detto: “La politica israeliana impone alla famiglia Abu Riala di costruire senza permesso, come a una larga percentuale di residenti di Isawiyah. Un anno fa, 30 anni dopo l’approvazione del primo piano regolatore del quartiere e 15 anni dopo che i residenti di Isawiyah avevano redatto un nuovo piano edilizio di propria iniziativa, il Comune di Gerusalemme annunciò che avrebbe presentato un nuovo piano generale. Tuttavia, il Ministero degli Interni non ha fretta di approvare il piano, e nel frattempo le famiglie continuano a perdere le loro case.”

Secondo Ir Amim, 216 strutture sono state demolite a Gerusalemme Est nel 2020, di cui 144 erano abitazioni residenziali. Solo lo scorso gennaio sono state demolite 24 strutture, 17 delle quali residenze private.

La notte dopo la demolizione della casa di Abu Riala, le forze di polizia sono entrate a Isawiyah e le immagini di tensione e violenza sono riapparse nel villaggio.

sabato 6 marzo 2021

Gideon Levy è editorialista di Haaretz e membro del comitato editoriale del giornale. Levy è entrato in Haaretz nel 1982 e ha trascorso quattro anni come vicedirettore del giornale. Ha ricevuto il premio giornalistico Euro-Med per il 2008; il premio libertà di Lipsia nel 2001; il premio dell’Unione dei giornalisti israeliani nel 1997; e il premio dell’Associazione dei Diritti Umani in Israele per il 1996. Il suo nuovo libro, La punizione di Gaza, è stato pubblicato da Verso.Alex Levac è diventato fotografo esclusivo per il quotidiano Hadashot nel 1983 e dal 1993 è fotografo esclusivo per il quotidiano israeliano Haaretz. Nel 1984, una fotografia scattata durante il dirottamento di un autobus di Tel Aviv smentì il resoconto ufficiale degli eventi e portò a uno scandalo di lunga data noto come affare Kav 300. Levac ha partecipato a numerose mostre, tra cui indiani amazzonici, tenutesi presso l’Università della California, Berkeley; la Biennale israeliana di fotografia Ein Harod; e il Museo di Israele a Gerusalemme. Ha pubblicato cinque libri.

Traduzione: Beniamino Rocchetto

http://www.bocchescucite.org/gideon-levy-per-la-sesta-volta-israele-rade-al-suolo-la-casa-di-un-palestinese-disabile/