Per tutte le donne e gli uomini, scartati, perseguitati e crocifissi ogni giorno a causa del colore della pelle, della fede professata, dell’orientamento sessuale o politico. Affinchè il loro grido di dolore e la loro richiesta di giustizia e pace arrivino al nostro cuore e non rimangano inascoltati;

Signore, siamo rimasti in silenzio davanti al tuo sepolcro, ora vogliamo cantare di gioia per la tua resurrezione e ti chiediamo: Aiutaci a vivere da risorti fin da ora, qui, in questa vita;

In questa Pasqua, passaggio dalla morte alla vita, dalla servitù alla libertà, chiediamo a chi ci governa di cambiare rotta: non, più soldi ai fabbricanti e trafficanti di armi, ma più aiuto a chi scappa dalle guerre che noi alimentiamo;

Un anno di pandemia che ha messo in ginocchio e ridotto in povertà assoluta milioni di donne e uomini e ha aumentato l’inquinamento della terra. Affinchè venga pensata e progettata un’economia rispettosa del creato, della salute e dell’integrità fisica di tutti i lavoratori e le lavoratrici;

Per noi e la nostra comunità, il Signore ci preservi dal peccato più grave: fare qualcosa senza amore. Non conta cosa o quanto facciamo, ma quanto amore ci mettiamo nel farlo;