Venerdì sono comparsi online tributi per il 29enne Ibrahim Abu Thuraya, un uomo palestinese ucciso al confine di Gaza durante scontri con i soldati israeliani.

È morto all’istante dopo essere stato colpito alla testa da un soldato israeliano quando gli scontri sono diventati violenti nella zona cuscinetto di Gaza.

Famoso per la sua regolare partecipazione alle proteste nella Striscia di Gaza, Thuraya era giunto alla notorietà dopo avere perso entrambe le gambe e un occhio durante l’Operazione Piombo Fuso, quando le forze israeliane uccisero 1400 persone in 22 giorni.
Era noto per essersi arrampicato su tralicci di elettricità e per alzare bandiere palestinesi durante le proteste. Ibrahim descriveva le sue azioni come “resistere malgrado la sua disabilità”.
Due giorni prima della sua morte, attivisti avevano filmato Ibrahim che camminava sulle mani nella zona cuscinetto senza la sua sedia a rotelle.
Nel video, chiamava i suoi compagni palestinesi ad unirsi per chiedere all’America di “ritirare” la sua dichiarazione di nominare Gerusalemme capitale di Israele.
Questa terra è la nostra terra. Non ci arrenderemo. L’America deve ritirare la dichiarazione che ha fatto, aveva detto Ibrahim.
La cosa più importante è che stiamo venendo qui per trasmettere un messaggio all’esercito dell’occupazione sionista che il popolo palestinese è un popolo forte.
Ci si aspetta che migliaia parteciperanno al suo funerale sabato per ricordare l’attivista di lunga data che spesso era visto a condurre canti e sventolare una bandiera palestinese.
Il suo corpo è stato ritratto avvolto in un sudario islamico bianco in preparazione del suo funerale.
Si è lasciato dietro 11 familiari, comprendenti sei sorelle e cinque fratelli, che facevano affidamento su di lui per sopravvivere.
Prima di perdere le gambe, era un orgoglioso pescatore che prendeva la sua piccola barca per pescare nelle acque vicino alla sua casa, guadagnando da 14 a 19 dollari al giorno.
Inoltre Thuraya sosteneva la sua famiglia lavando macchine a Gaza, dove vivevano in un affollato campo per rifugiati.
Sia suo padre che sua madre avevano la pressione sanguigna alta e il diabete, che significava che erano inabili al lavoro.
Guadagnava 248 dollari al mese, che utilizzava per pagare elettricità, affitto e bolletta dell’acqua. Questo era il massimo dello stipendio che riceveva per i palestinesi feriti ogni mese.
Ibrahim aveva detto ai primi dell’anno alla Shehab News Agency che sognava di andare all’estero dove sperava che donatori stranieri avrebbero potuto aiutarlo con le sue spese vitali.
Desidero possedere una casa mia e mi auguro che quelle buone persone possano aiutarmi, e che i paesi europei e i paesi arabi possano aiutarmi, aveva detto Ibrahim.
Vorrei avere qualche aiuto e poter andare all’estero, e avere gambe protesiche. Ma ci sono molte spese per il viaggio, è molto difficile.
La sua giornata cominciava alle 7 del mattino, quando raccoglieva i suoi attrezzi, legava il suo secchio ad una vecchia sedia a rotelle e partiva per il suo viaggio, rotolando per Gaza a cercare lavoro.
Ibrahim quindi faceva la fila per l’acqua e trovava una macchina da lavare.
Dopo avere pulito i cerchioni e dentro le ruote, poi usava le mani per sollevarsi sul bagagliaio dell’automobile e lavorava così sul tetto del veicolo.
Parlando della sua disabilità, aveva detto a degli attivisti irlandesi per la Palestina che rifiutava di ricevere denaro dai proprietari delle macchine senza avere fatto il lavoro.
Non sono un vagabondo o un mendicante. Posso lavorare e fare la mia vita, aveva detto Thuraya.
Per favore non guardate mai al mio corpo disabile. Guardate al grande lavoro che sto facendo. Non è la fine del mondo e la vita va avanti.

(Areeb Ullah, in BoccheScucite, 15 dicembre 2017)