Come palestinese nato in Israele, sono arrivato a capire che mentre la violenza è fin troppo reale, le sue radici, o le motivazioni “storiche” offerte, sono spesso inventate.


La brutale realtà della violenza di Israele contro i palestinesi a Gerusalemme non dovrebbe oscurare il fatto che la centralità di Gerusalemme nell’immaginario nazionale israeliano, per non parlare dell’immaginario palestinese, è un’invenzione relativamente recente.
La forte ironia è che i primi sionisti non hanno mai considerato Gerusalemme come parte integrante della loro agenda nazionale, ma come un centro spirituale.


In nessun luogo l’apatia sionista nei confronti di Gerusalemme era più manifesta che negli scritti di Theodore Herzl, padre del sionismo politico. Herzl non ha esitato a esprimere il suo disprezzo per Gerusalemme, anche in un momento in cui la maggior parte dei suoi residenti erano ebrei.


Quando mi ricorderò di te nei giorni a venire, o Gerusalemme, non sarà con piacere”, scrisse, durante la sua unica visita in Palestina nel 1898. Non c’è da meravigliarsi che il Primo Congresso Sionista, a Basilea nel 1897 per discutere  la Herzl Proposta dello stato ebraico, non abbia fatto cenno  a Gerusalemme.


Disincantato da Gerusalemme, Herzl sognava di fondare la futura capitale ebraica nel nord della Palestina. Credeva che Gerusalemme sarebbe stato un grande ostacolo alla creazione del suo stato ebraico e che la proprietà ebraica dei luoghi santi di Gerusalemme avrebbe potuto mettere a repentaglio il suo intero piano di insediamento ebraico in Palestina. Herzl temeva anche che il Vaticano si sarebbe opposto a qualsiasi forma di presenza politica ebraica a Gerusalemme. Era disposto a rinunciare a Gerusalemme in cambio del riconoscimento internazionale della sovranità ebraica su altre parti della Palestina.


Infatti, Herzl fu il primo a proporre un piano per dichiarare la vecchia Gerusalemme una città internazionale. In ” Altneuland ” scrisse che Gerusalemme apparteneva a tutte le nazioni come centro multiculturale e spirituale. Aveva persino proposto di trasformare la Città Vecchia in un museo multinazionale.
Herzl immaginava Gerusalemme come una città utopica  dove  gli affari di stato sono “banditi dall’interno di queste mura venerate da tutti i credi” e dove “la città vecchia sarebbe stata lasciata alle istituzioni caritatevoli e religiose di tutti i credi. Quest’area potrebbe  essere  divisa amichevolmente “


Il primo movimento sionista, che prese il nome da uno degli antichi nomi di Gerusalemme, era pronto a rinunciare a Gerusalemme come preludio alla costruzione del futuro stato ebraico. Escludendo Gerusalemme dal loro piano originale, i fondatori sionisti speravano di evitare l’indignazione internazionale, gli scontri con le comunità musulmane e cristiane e le divisioni tra i sionisti laici e la comunità ebraica ortodossa di Gerusalemme.
La politica sionista originale era quindi quella di mantenere un basso profilo nei confronti di Gerusalemme. 

A differenza degli inglesi, che hanno fatto di Gerusalemme la capitale del paese sotto mandato, il primo movimento sionista ha costruito il suo quartier generale lontano da Gerusalemme, nella Palestina centrale e settentrionale.


Seguendo l’esempio, importanti organizzazioni sioniste come il Jewish National Fund hanno investito i loro soldi lontano dalla città santa, concentrandosi su insediamenti comuni e cooperativi, come il kibbutz e il moshav. La priorità è stata data agli insediamenti agricoli come Petah Tikva e Rishon Lezion. Anche l’edificio dell’Università Ebraica ha dovuto affrontare una forte opposizione da parte dei leader sionisti, come Arthur Rupin, che temevano che il progetto avrebbe ostacolato le attività di insediamento.


Seguendo le orme dei fondatori, i pionieri posero gli occhi su Tel Aviv, il luogo dell’impresa sionista nella Palestina pre-statale, salutato dai nuovi arrivati ebrei come “il nuovo Israele”. Avendo accettato l’idea del controllo internazionale di Gerusalemme, molti sionisti laburisti iniziarono a prendere in considerazione l’idea di dichiarare Tel Aviv come la futura capitale ebraica. Dopo tutto, la città era più adatta per la loro visione nazionalista, socialista e per la rivoluzione agraria.


A causa della sua presunta libertà dalla comunità Old Yishuv di Gerusalemme, Tel Aviv divenne la capitale de facto dello Yishuv ebraico in Palestina. Fu a Jaffa, non a Gerusalemme, dove la Commissione sionista costruì i suoi primi uffici, dove si riunì la leadership sionista e dove molti leader sionisti, come Ahad Haam, preferirono vivere.


Per quanto riguarda i palestinesi era Jaffa, non a Gerusalemme, il luogo fissato le loro aspirazioni nazionali, essendo il cuore pulsante urbano della Palestina e il vivace centro economico e culturale della Palestina.
Nessuno dei due partiti voleva Gerusalemme, tranne forse gli inglesi, che, nelle parole del primo ministro 
David Lloyd George, desideravano proclamare la città “un regalo di Natale per il popolo britannico”.
Eppure pochi israeliani oggi sembrano rendersi conto che l’immagine di Gerusalemme come capitale eterna e unita del popolo ebraico è un’invenzione relativamente recente.


In effetti pochi ricordano quel giorno del novembre 1947, quando l’Assemblea generale delle Nazioni Unite approvò la sua storica risoluzione sulla divisione del mandato della Palestina tra arabi ed ebrei, che alla fine portò alla creazione dello Stato di Israele. Il piano, che prevedeva due stati – uno ebreo e uno arabo – escludeva Gerusalemme dal futuro stato ebraico. A causa del suo status unico, Gerusalemme doveva essere governata da un “regime internazionale speciale” amministrato dalle Nazioni Unite.
La leadership sionista ha abbracciato il piano quasi senza esitazione. L’anno successivo, Israele, incoraggiato dal piano di partizione, dichiarò la sua indipendenza e, non molto tempo dopo, il nuovo stato fu riconosciuto dalla maggioranza degli Stati membri delle Nazioni Unite, guidati dagli Stati Uniti.
Vale anche la pena ricordare che Gerusalemme è stata dichiarata capitale di Israele solo 18 mesi dopo l’istituzione dello stato. E
 quando la città fu divisa tra Israele e Giordania dopo la guerra del 1948, il giovane stato ebraico scelse di deviare le sue energie altrove, costruendo le sue città costiere, come Haifa e Tel Aviv, in zone commerciali prospere.


Nel frattempo, Gerusalemme Est e la Città Vecchia rimasero saldamente in mano ai giordani per due decenni, prima che Israele le conquistasse nel 1967 e dichiarasse Gerusalemme come la sua “capitale ” nel 1980.


L’ironia è che mentre l’establishment sionista era pronto a rinunciare a Gerusalemme per costruire lo stato ebraico, l’attuale leadership israeliana sembra abbandonare lo stato ebraico per la Grande Gerusalemme, dove i palestinesi costituiscono quasi il 40 per cento della popolazione della città, con migliaia che vivono oltre  la barriera di separazione a Gerusalemme est.


Con l’annessione di Gerusalemme Est, Israele si sta rapidamente dirigendo verso una realtà di uno stato unico che, prima o poi, culminerà con una minoranza ebraica che governa su una maggioranza palestinese in un regime in stile apartheid.
La storia del primo movimento sionista in Palestina è oggi quasi dimenticata, ma la sua lezione è ancora viva: Gerusalemme “apparteneva a tutte le nazioni e fedi”.

Seraj Assi, Haaretz, Maggio. 10, 2021

https://archive.is/YmZsm