“Per noi donne la pressione ad agire è molto maggiore, fondamentalmente perché siamo più escluse da molte cose, dagli uffici e dalle strutture organizzative” ha affermato Claudia Lücking-Michel a margine dell’Assemblea Generale del Cammino sinodale di Francoforte. La vicepresidente del Comitato centrale dei cattolici tedeschi (ZdK) la vede con sobrietà: “Naturalmente qui non possiamo decidere l’ammissione delle donne all’ordinazione, ma lo stillicidio costante consuma la pietra! Se i primi vescovi si pronunciano a favore di esso, ciò dimostra che il cambiamento è in atto, e questo è importante”.

Lücking-Michel, cinquantanovenne vede un’altra particolarità: “Sono soprattutto le donne a sperare che qualcosa possa essere cambiato”. Lücking-Michel considera l’irritazione e la rabbia delle donne come “segni vitali”. Inoltre, il modo in cui la Chiesa tratta le donne è una “questione di sopravvivenza e di futuro”. Una formulazione che il vescovo di Osnabrück Franz-Josef Bode condivide quando sostiene una maggiore partecipazione delle donne.

“Questo danno collaterale deve farci riflettere”

“Non è che alcune strane donne cattoliche vogliano diventare sacerdotesse” sottolinea Andrea Heim. L’amministratrice delegata di Catholic Adult Education in Germania dice pensierosa: “Quante donne prima di noi si sono già arrese perché non ne potevano più, e se ne sono andate amareggiate? Questo ‘danno collaterale’ deve farci riflettere. Anche per questo è importante continuare a occuparsene”. Al tempo stesso frena il suo ottimismo: “Ogni volta che le donne vogliono prendere il potere, gli uomini si mettono in prima linea contro di loro. Non è così solo nella Chiesa, ma nella Chiesa è molto peggio”.

E dove trovano le donne la motivazione per continuare a combattere? Andrea Heim, così come Katharina Norpoth, ex presidente della Federazione della Gioventù Cattolica Tedesca, rispondono subito: “Buona parte di noi è certamente rafforzata dalle esperienze positive che abbiamo avuto nelle nostre associazioni, dove democrazia e uguaglianza sono già possibili in un contesto ecclesiale”.

Nell’assemblea sinodale le donne mandano segnali chiari anche sul fronte del voto: 58 su 63 elettrici donne hanno votato venerdì per il policy paper sulle riforme in materia di potere e la separazione dei poteri, tre lo hanno bocciato, due le astensioni. Il tasso di approvazione femminile è stato quindi superiore al tasso di approvazione complessivo. Tra le altre cose, si trattava di una maggiore partecipazione della base alla nomina dei titolari di cariche, e all’ammissione delle donne all’ordinazione.

Suor Nicola Maria Schmitt, portavoce dell’Ordine delle Donne di Stoccarda, ammette: “Sono arrivata quasi al punto di abbandonare la mia Chiesa un anno o due fa”. Anche altre religiose la pensano allo stesso modo. Suor Nicola pensò di andarsene, ma arrivò alla conclusione che “non voglio rinunciare alla mia vocazione per questo, la mia comunità è troppo importante per me”. Più importante dell’istituzione della Chiesa e della sua gerarchia. Anche questa è una scoperta del percorso sinodale.

“Le donne in chiesa si disperano”

Già nella prima discussione all’inizio dell’assemblea sinodale di giovedì sera, alcune donne avevano trovato parole chiare. “Le donne della Chiesa si disperano, anche per le decisioni di Roma”, ha detto Ulrike Göken-Huismann, del comitato esecutivo federale della Comunità femminile cattolica in Germania, riguardo alla decisione di papa Francesco di lasciare in carica gli arcivescovi di Amburgo e Colonia, Stefan Heße e il cardinale Rainer Maria Woelki, nonché i vescovi ausiliari di Colonia, Ansgar Puff e Dominikus Schwaderlapp.

All’inizio dell’incontro di Francoforte, Gudrun Lux (ZdK) ha confessato: “Sono venuto qui con più rabbia che amore, più disperazione che speranza”. L’impressione che la Chiesa lascia a sempre più persone è: “Impicca i piccoli, lascia andare i grandi, e questi possono fare quello che vogliono”. La riconciliazione ha bisogno di un pentimento credibile, ma questo, in molti vescovi, non si vede affatto.

La quarantunenne Gudrun Lux ha poi affermato che lei, e un certo numero di altre donne, hanno la sensazione che ci sia spazio per esprimere critiche, ma che non ci sia una vera discussione al riguardo: “Molte si chiedono se le loro preoccupazioni vengano davvero prese in considerazione”.

Riflessioni di Karin Wollschläger pubblicate sul portale cattolico Katholisch.de (Germania) il 1 ottobre 2021, liberamente tradotte da Antonio De Caro

Testo originale: Wie blicken die Frauen auf die Diskussionen beim Synodalen Weg?