giovedì, Dicembre 9, 2021
Io non prego perché Dio intervenga. Chiedo la forza di capire, di accettare, di sperare. Io prego perché Dio mi dia la forza di sopportare il dolore e di far fronte anche alla morte con la stessa forza di Cristo. Io non...
"Ho viaggiato molto alla ricerca di Dio ma quando finalmente ci ho rinunciato e sono tornato indietro, eccolo lì, dentro di me!
Non è sorprendente, dice Dio, / che la nostra storia sia intessuta / di appuntamenti mancati! Voi mi aspettate / nell'onnipotenza / e io vi spero nella fragilità di una nascita! Voi mi cercate / nelle stelle del cielo /e io vi incontro nei...
"Sia la strada al tuo fianco, il vento sempre alle tue spalle, che il sole splenda caldo sul tuo viso, e la pioggia cada dolce nei campi attorno e, finché non ci incontreremo di nuovo, possa Dio proteggerti nel palmo della sua mano" "May the...
Shekhinah: Colei che abita, Colei che è un vicino, la Presenza divina che inabita, l'Aspetto femminile di Dio.Shekhinah è una variante grammaticale della radice ebraica Shin Kaf Nun/shakhan che significa abitare, vivere, inabitare, presenza. ("Concilium" 5/2000)
Carissime/i, ci stiamo ormai avvicinando all’inizio del Tempo di Avvento… Un Tempo/occasione di preparazione al grande incontro del Natale in cui Dio stesso entra nella storia (e nelle nostre storie…)! Proprio in questo tempo così importante alcuni incontri per chi volesse...
“Mio Dio, sono tempi tanto angosciosi. Stanotte per la prima volta ero sveglia al buio con gli occhi che mi bruciavano, davanti a me passavano immagini su immagini di dolore umano. Ti...
La lampada del corpo è l’occhio. Se dunque il tuo occhio è limpido, tutto il tuo corpo sarà illuminato (da Matteo 6, 22)   Tu, Dio, con misteriosa sapienza leggi i nostri occhi. Possono esser occhi chiusi all’amore pur bene aperti, occhi che...
Questo è l'epitaffio che Adriana Zarri ha scritto per se stessa   Non mi vestite di nero: è triste e funebre. Non mi vestite di bianco: è superbo e retorico. Vestitemi a fiori gialli e rossi, con ali di uccelli. E tu, Signore, guarda...
O Signore risorto, donaci di fare l’esperienza delle donne il mattino di Pasqua. Esse hanno visto il trionfo del vincitore, ma non hanno sperimentato la sconfitta dell’avversario.  Solo tu puoi assicurare che la morte è stata vinta davvero. Donaci la certezza che la morte non avrà più...

ULTIMI ARTICOLI