“Ho guardato negli occhi mio fratello
e ho visto che era stanco.

Gli si è formato un sogghigno sul volto
e ho capito che era cattivo.

Gli ho strappato la maschera
e mi è parso un mostro ripugnante.

Allora ho pianto e l’ho abbracciato”
(Giovanni Franzoni)