L’Assemblea federale dell’ Associazione delle donne cattoliche in Germania (KFD) a Magonza ha chiesto all’unanimità l’ammissione delle donne a tutti i ministeri della Chiesa cattolica.

I 90 delegati delle 20 Associazioni diocesane (Diözesanverbände) KFD e la federazione regionale Oldenburg hanno votato “individualmente senza costrizioni o pressioni da parte del gruppo” e senza astensioni, si legge in un comunicato stampa della federazione.

La presidente federale della KFD Mechthild Heil ha accolto con favore la decisione: “Siamo orgogliosi di questo voto forte, che conferma nero su bianco ciò che sosteniamo da decenni”. Il position paper sottostante mostra “quanto la Chiesa potrebbe guadagnare attraverso l’ammissione delle donne a tutti i ministeri”.

Esclusione “solo perché sono donne!”

Solo se tutti i carismi fossero vissuti, la Chiesa potrebbe rinnovarsi e diventare ciò che è destinata ad essere, dice il testo. Tuttavia, non tutti i carismi delle donne sono apprezzati: una vocazione di diaconessa e sacerdotessa è ancora negata, “anche dichiarata impossibile”.

“È molto doloroso per noi come KFD che, alle donne impegnate nell’attività pastorale, non sia permesso di dare sacramenti”. Le donne sono rimaste escluse dalle funzioni direttive, dai ministeri e dagli uffici “…solo perché sono donne. Questo dovrebbe finalmente essere corretto”, ha affermato Mechthild Heil.

 

(liberamente tradotto da don Paolo Zambaldi)

 

Originale in lingua tedesca: https://www.kirche-und-leben.de/artikel/kfd-fordert-einstimmig-frauen-als-priesterinnen/