1. La nostra è una società di individui costretti a costruire se stessi e stanchi di questi continui sforzi.

Una società nella quale ciascuno si lamenta di non avere tempo; una società nella quale, coloro che non lavorano soffrono perché sono disprezzati dagli altri, e coloro che lavorano sognano le vacanze, in cui saranno presi da tutta una serie di attività cosiddette di divertimento.

Cosi il tempo è una delle maggiori poste in gioco della nostra società… Per questo, forse non si può trovare un tema più attuale e più essenziale di quelli dello shabbat!

2. Si ritiene che shabbat derivi dal verbo “shabbat”- astenersi da…
In suo significato è spiegato in due testi della Bibbia…

a)Da Genesi 2, 2: Dopo il racconto dei sei giorni della creazione, si legge: “Cosi furono ultimati i cieli e la terra e tutto il loro ornamento
Allora Dio, nel giorno settimo,volle concludere l’opera che aveva fatto e “si astenne”, nel giorno settimo, da ogni opera che aveva fatto”

Questo per dire che, per Dio, lo shabbat – astensione dal lavoro non è qualcosa di aggiunto, un di più, ma è a completamento di tutta l’opera…

Pero, quando il comandamento dello shabbat sarà dato all’uomo, sorgerà subito una forte obiezione: è possibile per un essere umano compiere tutta la sua opera in sei giorni? Non rimane la sua opera sempre incompleta? La Genesi risponde: “Fa come Dio: anche per te
lo shabbat- il sabato, sia l’integrazione della tua opera!”.

b) Dal libro dell’Esodo: l’episodio della manna, il cibo miracoloso del deserto…  Un testo fondamentale per la comprensione dello
shabbat:

Il Signore dà ogni giorno il pane al popolo nel deserto; ma il sesto giorno gliene dà per due giorni: perché il settimo giorno sarà uno “shabbat-giorno di astinenza” da ogni lavoro per prendersi il tempo a riflettere sul senso del lavoro stesso e della vita:

l’uomo non ha bisogno solo del pane e perciò del lavoro ma anche e soprattutto di sapere perché e come vivere all’altezza della propria dignità; deve perciò prendersi la libertà e il tempo per pensare al senso della vita e come viverla serenamente…

3. Nell’ebraismo, il sabato è un elemento essenziale e qualificante dell’identità…
Per i cristiano lo è la domenica il “dies Domini” è il giorno del ricordo della resurrezione di Cristo…

Ma il senso, lo spirito proprio dello shabbat è importante anche per i cristiani. Dice il papa:
“Anche noi abbiamo bisogno di questo incontro che ci riunisce, che ci dona uno spazio di libertà, che ci fa guardare oltre l’attivismo della vita quotidiana verso l’amore creatore di Dio, dal quale proveniamo e verso il quale siamo in cammino“.

don Paolo Zambaldi